Wout van Aert, ritorno al ciclismo

Wout van Aert, ritorno al ciclismo

18/05/2024 0 Di Giovanni Battistuzzi

L’ultima immagine che abbiamo di Wout van Aert è lui a terra, senza bicicletta. L’ultima immagine che abbiamo di Wout van Aert è in realtà un suono: un lamento disperato, un pianto. Sono passati mesi da quel 28 marzo, dall’asfalto della Dwars door Vlaanderen che si era mangiato tutto, pure il pavé oltre alle speranze, ai desideri, ai programmi e progetti di Wout van Aert e parecchi altri.

Ha visto svanire settimane e settimane di pietre, quelle del Giro delle Fiandre e quelle della Parigi-Roubaix; ha visto trionfare Mathieu van der Poel, il rivale di sempre, in una doppietta tutta ricchi premi e cotillon; ha dovuto rinunciare ai suoi intenti battaglieri italiani, al Giro d’Italia.

Doveva essere presenza, ha dovuto trasformarsi in assenza. Voleva, doveva, essere azione, e azione violenta almeno in speranza, si è dovuto accontentare dell’attesa.

L’inazione sta per finire però. La prossima settimana Wout van Aert tornerà in gara. Lo farà in Norvegia, al Giro di Norvegia dal 23 al 26 maggio.

Ha detto Wout van Aert a Velo: “Non è sempre stato facile stare in disparte, ma fortunatamente ora posso guardare di nuovo avanti. Non vedo l’ora di attaccarmi nuovamente alla maglia un numero di gara. Nelle ultime settimane sono riuscito ad allenarmi bene, sempre meglio, ma è comunque diverso dalle corse. Ora voglio mettermi alla prova e vedere come me la cavo in una gara. Senza alcuna aspettativa”.

Pedalare per pedalare, per capire a che punto è, forse chi è. Dopo gli infortuni è quello che conta.

“È fantastico riavere Wout nella squadra dopo il suo incidente. Inizia senza alcuna pressione. Non sappiamo ancora quale sarà il suo programma di gare futuro. Vedremo nelle prossime settimane. Stiamo facendo le cose un passo alla volta”, ha detto il direttore sportivo del Team Visma | Lease a bike Merijn Zeeman.

Per il futuro c’è tempo.